Curiosità di viaggio

Piscina in aeroporto, nuovo trend del millennio

WE 360230 views
changi

Una delle mode più bizzarre  degli ultimi anni. Previste in apertura anche a Punta Cana, al JFK di New York ed  a Santo Domingo.

Un viaggio attraverso quelle più scenografiche.

Per trascorrere il tempo in aeroporto ci si inventa di tutto. Chi conta i sedili delle attese, chi legge, ascolta musica, guarda il vuoto riflettendo sull’infinito.

Poi c’è chi per rilassarsi preferisce due bracciate nelle numerose piscine delle lounge, alcune tra le più prestigiose con vista decolli ed atterraggi. Shiccheria per pochi?

Vediamo.

Per la modica cifra di 48 dollari, se non si è clienti dell’Airport Hotel, all’interno dell’omonimo aeroporto, sfoggia una vasca da 25 metri proprio nella struttura dedicata ai passeggeri in transito.

12 dollari invece, per un tuffo sul tetto dell’Aerotel Airport Transit al Terminal 1. Siamo all’aeroporto Changi di Singapore, e dalla piscina si osservano gli aerei in pista.

Singapore

 

Ora vi catapulto all’Hyatt Regency all’aeroporto di Orlando, Stati Uniti,  dove abbiamo ben due piscine, di cui una sul tetto, fruibili esclusivamente dai clienti dell’albergo. Una notte, in media 100 dollari a persona.

Al Detroit Metropolitan, invece, il Westin costruito nel terminal McNamara offre al secondo piano una piscina da quasi 35 metri quadrati, pure in questo caso con un’eccellente vista sulle piste. Costa 15 dollari.

Vancouver,  l’Health Club del Fairmont costa appena 16 dollari. A Bangkok,  il Novotel ospita una vasca da 25 metri circondata da un giardino tropicale. Fra l’altro, l’albergo è collegato al terminal principale da un sottopassaggio con aria condizionata. L’accesso, che include tutti i servizi dell’hotel, costa 22 dollari.

Bangkok,  il Novotel

Ultima tappa hotel Hilton di Monaco di Baviera, tra i terminal 1 e 2, dove vi aspetta una vasca riscaldata al coperto da 17 metri: una card valida due ore che dà accesso a palestra e idromassaggio. Costa 40 dollari.

Monaco di Baviera, Hilton

In definitiva, se siete stanchi di fissare il vuoto assaporando il momento in cui le ruote dell’aereo si staccheranno dalla pista, donandovi quel senso di leggerezza ed euforia (nella maggior parte dei casi), prendetevi del tempo per voi e fatevi un tuffo. Durante l’attesa.

A cura di world explore 360

 

Leave a Response