Esplorazioni urbaneesplorazioni urbane di WE360Video Esplorazioni WE360

WE360 URBEX PIEMONTE: Il Castello di Marene, il video e la storia

Denis Orticola1458 views

Nel cuore del Piemonte si erge questa maestosa dimora. Eretto alla fine dell’ottocento dal  famoso architetto progettista Luigi Formento,  testimonia ancora oggi il modo di vivere di quel tempo, le precise esigenze di una determinata classe sociale, quella nobiliare.

Solitamente sono propenso a ricreare una storia con parecchi indizi all’interno per poter ritrovare la struttura. Oggi in realtà vi parlerò del Castello citando la Tesi di Laurea di Annalisa Muscatello, del Politecnico di Torino. Buona lettura!

Castello di Marene
il salone centrale arredato (foto d’epoca)
Castello di Marene
il salone oggi

Citazioni tratte da “La compatibilità degli interventi di efficientamento energetico sul patrimonio architettonico. Stato dell’arte e applicazione sperimentale” di Annalisa Muscatello.

Secondo la descrizione di Giovanni Giordanino, il comune di Marene alla fine del XIX secolo si presentava così:”….il paese è grazioso, posto su un ameno pendio, gode di un’aria salubre; lo adornano una assai vasta piazza ombreggiata, e varie case signorili. Chiude il paese il castello Conte Grosso di Grana, di graziosa costruzione”.

Il castello fu costruito a partire dal 1850 e terminato nel 1854, come si evince dalle decorazioni poste sulla lapide sul fronte principale, sul mosaico del pavimento del salone e sulla volta al di sopra della sala laterale d’ingresso.

Il manufatto sorse in epoca romantica e il suo stile “neogotico” presenta caratteri artistici ibridi che miscelano elementi gotici e medioevali. Venne edificato dalla famiglia Grosso sul lotto di terreno che ancora oggi è delimitato dal muretto di recinzione.

Il castello fu circondato da un grande parco così composto: a nord vi era un grande bosco e sulla sinistra si trovava un laghetto artificiale e due campi da tennis, all’epoca era considerato sport d’élite. La facciata era invece ornata da un giardino all’italiana con ampio vialone d’ingresso.

Castello di Marene
parco del castello

Dal 1892 in avanti il castello divenne proprietà di diverse famiglie. Dopo un periodo di abbandono venne acquistato da Marco Aprile, attuale proprietario che ha cercato di arginare i danni del tempo con alcuni interventi di manutenzione. Lo stesso ha inoltre proposto alla Soprintendenza dei Beni Architettonici e Culturali del Piemonte, con la collaborazione dell’architetto Cane, un progetto di rifunzionalizzazione del castello e di nuova costruzione di un elemento in ferro e vetro collegato al manufatto sul lato nord del parco.

Il progetto non è tuttavia andato a buon fine e il susseguirsi di lunghe prassi burocratiche, unito agli ingenti costi che implicherebbe un’essenziale opera di restauro, hanno indotto l’attuale proprietario a mettere in vendita il castello di Marene dal 21 novembre 2016.

Castello di Marene
salone e arredamento (foto d’epoca)
Castello di Marene
salone oggi

Ringraziamo Annalisa Muscatello per i cenni storici tratti dalla sua tesi magistrale per il restauro e valorizzazione del Patrimonio, politecnico di Torino.

Ringraziamo i suoi Relatori, Monica Naretto e Marco Simonetti.


Leave a Response